Gite consigliate

Durante la vacanza ti renderai conto che i giorni a tua disposizione non ti permetteranno di visitare tutti i posti meravigliosi che sono presenti in Sardegna. Abbiamo pensato quindi di mettere insieme alcuni dei luoghi più significativi, non troppo lontani da Golfo Aranci.

 

La Maddalena

L’arcipelago de La Maddalena è composto da circa 60 Isole e isolette per una superficie complessiva di circa 50km². Le Isole principali sono La Maddalena, Caprera (collegata a La Maddalena tramite un ponte), Spargi, Budelli, Razzoli, Santa Maria e Santo Stefano.

L’isola de La Maddalena, raggiungibile tramite traghetto da Palau, è l’unica isola abitata anche in inverno. Il centro storico, con edifici del 18esimo secolo, ristoranti e bar lungo il lungomare e il porticciolo ricco di colori, rendono questo paese unico e pittoresco.  Da qui è possibile visitare parte delle meravigliose isole che circondano La Maddalena. Con la macchina, prendendo la strada panoramica verso nord, potete ammirare l’isola e l’arcipelago nel suo insieme. Una costa granitica, alternata da meravigliose cale di sabbia finissima, palme, e fiori di Oleandro fanno da contorno.

Sono tante le spiagge che meritano una sosta, impossibile nominarle o visitarle tutte. Tra le più belle contiamo Cala spalmatore, dalla sabbia granitica rosa, e l’acqua cristallina. Cala Coticcio a Caprera lascia i turisti senza parole.

 

Isola di Tavolara

Tavolara è il regno più piccolo del mondo!

Nel 18esimo secolo l’isola è stata scoperta dal corso Giuseppe Bertoleoni. La legenda narra che quando, anni dopo, il re Carlo-Alberto, re del regno di Sardegna e Piemonte, visitò la Sardegna, Bertoleoni lo salutò, con le sguenti parole: “Il re di Tavolara saluta il re della Sardegna” Divertito da questo saluto il re Carlo-Alberto decise di regalare l’isola a Giuseppe Bertoleoni.  Da allora Giuseppe Bertoleoni prese il nome di Paolo I ed anche il discendente di Giuseppe Bertoleoni, Tonino Bertoleoni, si fa chiamare tutt’oggi “Re di Tavolara”.

Ancora intatta e selvaggia, l’isola di Tavolara, di natura calcarea si erige dall’acqua come se fosse una nave. È lunga circa 6km e larga circa 1km.

Il punto più alto è Punta Cannone, dal quale si gode di una vista mozzafiato a 360° e ripaga così la faticosa salita di circa 5 ore.

A ost dell’isola troviamo una lingua di terreno pianeggiante, dove si trovano due ristoranti, il molo di attracco, qualche vecchia casa, un cimitero e chiaramente la meravigliosa spiaggia di Tavolara, in parte a ciottoli ed in parte con una sabbia dorata finissima. L’acqua è limpidissima.

Gran parte dell’isola (est) non è visitabile poiché è occupata dalla NATO

È possibile raggiungere questo angolo di paradiso:

Da Golfo Aranci tramite gommone (circa 25-30 minuti). Da Olbia e Porto San Paolo tramite delle barche che partono regolarmente

 

Nuraghi e tombe dei giganti

Nonostante la Sardegna sia stata influenzata nel corso dei secoli da diversi popoli e culture, la cultura Nuragica (dal 1600 al 400 a.C.) è quella che forse ha lasciato di più la sua impronta nell’isola.

Sparsi in tutta l’isola troviamo circa 7000 nuraghi, strutture megalitiche a forma di cono dalla funzione dubbia: forse venivano utilizzati per scopi religiosi o come vedetta visto che spesso si trovano in punti strategici) o forse ancora come punti di raduno.

Si tratta delle costruzioni megalitiche conservate meglio in tutta Europa.

Uno dei siti archeologici più importanti presenti in Gallura è il nuraghe di Prisgiona, vicino Arzachena. Sito scoperto nel 1959, comprende circa 90 strutture costruite attorno al Nuraghe centrale.    

Questo sito è stato aperto al pubblico solo qualche anno fa, nel 2009. È possibile visitare questo meraviglioso sito tutto l’anno, dalle 9 alle 20. L’entrata costa 3,50€.

Tra il 2200 e il 1600 a.C. nacquero le tombe dei giganti. In Sardegna ne troviamo circa 350. A circa 500m circa dal sito nuragico de la Prisgiona, troviamo la tomba dei giganti “Coddu vecchiu”.

Costruzioni megalitiche che venivano utilizzate per la sepoltura. Dietro la pietra frontale di circa 4m, si estende per circa 10m la camera sepolcrale.