Specialità culinarie

La cucina sarda è tanto buona, quanto varia.

Dal nord al sud le specialità sono diverse e comprendono sia piatti di mare che di terra, dolci di ogni specie, formaggi, vini e liquori tra cui il mirto, il quale è di sicuro uno dei simboli della Sardegna.

 

Tra i piatti di mare più conosciuti troviamo ad esempio la zuppa di pesce, La “cassola”, gli spaghetti con le vongole e bottarga o con i ricci di mare e l’insalata di polpo. Le Anguille sono un piatto tipico dell’oristanese.

 

Tra i primi piatti più conosciuti troviamo:

  • I Malloreddus: gnocchetti al sugo con salsiccia.
  • I Culurgiones sono dei fagottini di pasta fresca, ripieni di patata, formaggio fresco e menta fresca, oppure ricotta e menta.
  • La fregula è una particolare pasta secca, che viene utilizzata per realizzare minestre oppure come base per pietanze come fregola alle vongole o ai frutti di mare.
  • La zuppa gallurese è una pietanza tipica della Gallura ma presente anche in altre zone della Sardegna, con delle variazioni. Si tratta di vari strati di pane raffermo, ammorbidito con il brodo di carne alternati a strati di formaggio e prezzemolo. Il tutto cotto al forno.
  • Il pane frattau ossia pane carasau bagnato nel brodo, disposto a strati inframezzati con pecorino grattugiato e salsa di pomodoro e con sopra un uovo in camicia

 

Di sicuro però quando si parla di Sardegna e cibo la prima cosa che viene in mente è il porcetto arrosto, maialino da latte cotto allo spiedo, con l’aggiunta di aromi tipo il mirto.

L’agnello e il capretto arrosto sono altresì delle pietanze che non mancano sulla tavola sarda.

Sempre allo spiedo viene arrostita la Rivea, coratella di agnello o capretto e lardo, avvolta nel peritoneo e legata con l’intestino dell’animale.

Tra i piatti a base di selvaggina troviamo il cinghiale in agrodolce e i merli e tordi arrosto.

 

La Sardegna vanta una grande varietà di dolci. Quelli più conosciuti sono:

  • La Seadas: pasta fresca ripiena di formaggio che viene fritta e servita col miele.
  • Le formagelle: pasta ripiena di ricotta o formaggio e cotti al forno. Tipico dolce del periodo pasquale.
  • l papassini o papassinos sono dei biscotti con noci, mandorle, nocciole e uvetta
  • Li Frisjoli longhi o frittelle lunghe vengono preparate nel periodo di carnevale. Si tratta di un impasto a base di farina, uova, anice e scorza d’arancia o limone, fritto in forma di lunghi cordoni
  • L’aranzada è un tipico dolce del nuorese a base di arance candite nel miele e mandorle tostate
  • I sospiri, dolci a base di mandorle tritate
  • I Pistocus, biscotti savoiardi sardi
  • Le “acciuleddi” pasta fresca intrecciata, fritta e assaporita dal miele
  • Gli amaretti: dolci con mandorle dolci ed amare
  • Torrone: quello più conosciuto è il torrone di Tonara.

 

Tra le varie qualità di pane presenti in Sardegna, quella più conosciuta è senza ombra di dubbio il pane carasau. Pane sottilissimo e croccante, presente anche nella variante arricchita con olio e sale (pane Guttiau)

 

Innumerevoli sono i formaggi sardi tra cui il più famoso è di sicuro il pecorino sardo.

IL vermentino di Gallura, il moscato ed il Cannonau sono i vini che più rappresentano la terra sarda.